l 6 aprile 2008 venne inaugurata a Lecce la collettiva d'arte contemporanea E. P. Zone zone di equilibri precario, una collettiva – curata da Francesca De Filippi, Lorenzo Cherin e Luigi Negro – che proponeva il lavoro di otto giovani artisti. In quel contesto Sandro Marasco presentò un intervento di arte relazionale, il Conar – Comitato Nazionale per le Raccomandazioni, presentato come un’associazione che aveva la finalità di mettere in contatto chi era alla ricerca di un’occupazione lavorativa con i suoi potenziali raccomandatari. Accompagnato da un sito web (con finte sedi già attive in Europa), il Conar apriva così a Lecce la sua seconda sede in Italia dopo quella di Roma. Destò immediatamente scalpore nel contesto salentino e numerosi riscontri già dalle prime ore di apertura della mostra. L’artista, rigorosamente in giacca e cravatta, dopo aver allestito un ufficio negli spazi della mostra, accolse persone di ogni estrazione sociale, incuriosite e bisognose di una “corsia preferenziale”. Il cortocircuito tra realtà e finzione avvenne quando nell'ufficio arrivarono le telecamere dell'emittente televisiva locale Telenorba, che intervistarono l'artista responsabile del Conar. L'effetto fu immediato e irrefrenabile. Centinaia di contatti dal sito e decine di persone si recarono direttamente nella sede di viale Lo re a Lecce. Ex detenuti, disabili, politici e gente comune alla ricerca per lo più disperata di un’estrema possibilità di trovare un posto di lavoro. Subito dopo venne inviata una smentita-rettifica, ma l'operazione divenne, in poco tempo, un fenomeno virale. Tanto da attirare finanche l’interesse di un noto programma televisivo di Rai 1.
progettoconar.eu